Informazioni

Quando nasce Vareseèsolidale

Un giorno Giuseppe ed Umberto, che fino ad allora si conoscevano giustappunto «di vista», si incontrano ed hanno l’occasione per fare quattro chiacchiere in più: «in fondo – si dicono – i Monelli della Motta e il gruppo Alpini hanno sempre avuto eccellenti rapporti, per la Festa di S.Antonio è da sempre una piacevolissima tradizione gustare nel dopo falò insieme alle Autorità cittadine l’eccellente «pasta e fagioli» ma non ci sono mai state occasioni di fare insieme qualche cosa in più per la Città di Varese.» Scoprono cosi di condividere il piacere di unire in qualche occasione le forze a favore di chi si trova in condizione di necessità e la volontà di esplorare la possibilità di allargare il discorso all’immenso mondo del volontariato lasciando da parte, pur nel pieno rispetto delle peculiarità e delle esperienze di ciascuno, ogni individualismo. In fondo volontariato e solidarietà non significano mettersi a disposizione di chi ha bisogno?

Sopraggiunge Michele che condivide e sviluppa il pensiero ed insieme decidono di riunire un primo gruppo di persone – attive nel volontariato – per verificare quanto l’idea possa essere effettivamente comune; il pensiero viene condiviso da Don Marco, Franco, Laura, Matteo, Marco, Roberto, Andrea ed insieme decidono di sottoporre l’idea a tutte le associazioni varesine conosciute. Il numero delle adesioni cresce, partecipano anche giovani volontari che si distinguono per discrezione ma soprattutto per grande spirito pratico, da tutti viene condiviso il principio di fondo: non ci sono protagonisti, la solidarietà siamo tutti noi presenti e tutti voi che deciderete giorno dopo giorno di condividere l’impegno per rendere migliore la vita di chi soffre. Occorreva un supporto finanziario e logistico ed è stata trovata ampia collaborazione nelle fondazioni e nell’amministrazione comunale: nel pieno rispetto dell’indipendenza del gruppo. Quello che inizialmente Roberto, infaticabile animatore di iniziative sociali, riteneva difficilmente realizzabile a Varese è cosi divenuto una meravigliosa realtà.

Chi ha aderito in questi anni

Actionaid – Gruppo Locale Varese – AIL Varese Onlus – AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla) Varese – Alomar Varese – Amici Casa San Carlo – Amici di Ernesto Redaelli – Amico Fragile Onlus – Angeli Urbani – Anna-Sofia Associazione di Promozione Sociale – Anticoagulati Lombardi – A.L. Varese -Ospedale di Circolo – Onlus – Arete Varese Onlus – AVIS Comunale di Varese – AVO Varese (Associazione Volontari Ospedalieri) – Banco di Solidarietà Alimentare “Nonsolopane” – Caritas Decanale – Cittadinanzattiva della Lombardia – Onlus – Ass. Territoriale di Varese – City Angels Italia – Cooperativa San Luigi – Coordinamento Volontario Varesino (CVV) – Croce Rossa Italiana – Famiglia Bosina – Farsi Prossimo – Fondazione Comunitaria del Varesotto – Fondazione Felicita Morandi – Fondazione Fratelli Paolo e Tito Molina- Fondazione Giacomo Ascoli Onlus -Fondazione Monsignor Proserpio -Gentian – Sindrome di Wolfram Italia -APS – Gocce di Rugiada – Gruppo Alpini Varese – L’Anaconda Cooperativa Sociale – Onlus -La Casa di Paolo – La Gemma Rara – Mani di Mamma O.D.V. – Mensa dell’Ist. Addolorata Suore della Riparazione – Monelli della Motta – Pane di Sant’Antonio Onlus – Polha Varese – Portofranco – Pro Loco Varese – Sestero – Società San Vincenzo de’ Paoli – Spazio Blu Autismo Varese Onlus – Stanza Alimentare – Convento Frati Cappuccini – Tutela la Persona – Unicef Comitato di Varese – Varese Alzheimer Onlus – Varese In – Varese per l’Oncologia – Varesevive – VO.C.E. Associazione Volontari contro l’Emarginazione – Wood in Stock APS – 23&20